Navigation

Due artisti svizzeri alla Biennale di Venezia

La 53esima Esposizione Internazionale d'Arte organizzata dalla Biennale di Venezia ha preso il via domenica. Fra le opere proposte, vi sono quelle degli svizzeri Silvia Bächli e Fabrice Gygi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2009 - 12:23

Diretta dallo svedese Daniel Birnbaum, la rassegna intitolata "Fare Mondi" consente di ammirare fino al 22 novembre i lavori di 90 artisti provenienti da tutto il mondo. L'esposizione vuole sottolineare in modo particolare il processo creativo, ha precisato Birnbaum.

La Svizzera è rappresentata dalla basilese Silvia Bächli e dal ginevrino Fabrice Gygi. La prima occupa il Padiglione svizzero situato ai Giardini di Castello, mentre il secondo ha preso posto nella chiesa di San Stae, sul Canal Grande, sede delle esposizioni elvetiche dal 1988.

Silvia Bächli, nata a Baden (AG) nel 1953 e residente a Basilea, insegna all'Accademia d'arte nazionale di Karlsruhe. Ha ottenuto notorietà internazionale grazie al disegno, che sviluppa con coerenza da oltre tre decenni. A Venezia presenta lavori recenti che vogliono essere un percorso attraverso l'insieme della sua opera figurativa.

Fabrice Gygi, nato a Ginevra nel 1965, è da tempo considerato tra i principali artisti della scena svizzera. Le sue performance, installazioni e opere grafiche, note per la loro radicalità, spingono alla riflessione sul ruolo dell'artista nella società. Per l'occasione, a San Stae realizza un'installazione che intende ricordare come una chiesa " sia un luogo che racchiude valori allo stesso tempo spirituali e materiali, in tempo normale come in tempo di crisi", secondo quanto comunicato dall'Ufficio federale della cultura.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?