Navigation

Couchepin negli Emirati Arabi Uniti

Il ministro svizzero dell'interno Pascal Couchepin ha posato giovedì a Ras Al Khaimah, nel nord degli Emirati Arabi Uniti, la prima pietra del futuro campus locale del Politecnico federale di Losanna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 maggio 2009 - 16:36

In occasione della conferenza stampa, il consigliere federale ha parlato di «una giornata storica» che segna la nuova presenza scientifica svizzera nel mondo, ha indicato il portavoce del Dipartimento federale dell'interno Jean-Marc Crevoisier.

Couchepin era accompagnato dal presidente del consiglio dei Politecnici federali, Fritz Schiesser, e dal presidente del Politecnico federale di Losanna, Patrick Aebischer. Alla cerimonia ha partecipato anche lo sceicco Saoud.

La nuova scuola, che accoglierà una novantina di studenti e nella quale lavoreranno 200 persone, svilupperà in particolare ricerche incentrate sull'ambiente e l'energia. Nella struttura sono previsti cinque laboratori di ricerca permanenti e altri cinque temporanei.

L'ammontare del finanziamento, situato tra i 200 e i 250 milioni di franchi, è assicurato esclusivamente dall'Emirato. L'ateneo dovrebbe entrare in funzione nel 2012.

Questa collaborazione tra la Svizzera e l'Emirato è nata grazie all'iniziativa di Kather Massaad, un ex studente del Politecnico federale di Losanna e ora CEO dell'autorità d'investimento di Ras Al Khaimah.

A Ras al-Khaimah, Couchepin visiterà inoltre il progetto di isola solare sviluppato dal Centro svizzero di elettronica e di microtecnica di Neuchâtel.

Nel prosieguo della visita, la delegazione incontrerà ad Abu Dhabi il ministro federale dell'educazione superiore e della ricerca, diverse personalità scientifiche dell'Higher College of Technology che collaborano con la facoltà di economia dell'Università di San Gallo e rappresentanti dello Swiss Business Council.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?