Navigation

Assicurazione invalidità: referendum inoltrato

Un cieco controlla il testo in braille che ha scritto con l'aiuto del computer Keystone

Il popolo dovrà pronunciarsi sulla quinta revisione dell'assicurazione invalidità (AI). Alla cancelleria federale sono state depositate 67'300 firme, sufficienti per chiedere il referendum contro la decisione parlamentare.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 gennaio 2007 - 14:12

Il referendum è stato lanciato da due piccole associazioni di difesa dei disabili che sono riuscite ad ottenere un ampio sostegno.

Gli oppositori alla 5a revisione dell'assicurazione invalidità (AI) hanno depositato giovedì alla Cancelleria federale circa 67'300 firme. Per la riuscita del referendum ne bastano 50'000. La parola spetterà dunque al popolo.

Quasi un terzo delle firme proviene dai soli cantoni di Ginevra e Vaud. Nel Ticino sono state raccolte 2300 firme. Il referendum è stato lanciato da due piccole associazioni di difesa degli handicappati. Visto il loro scarso peso politico, la riuscita del referendum si prospettava incerta.

Tuttavia, col tempo, altre organizzazioni, sindacati e partiti di sinistra - da ultimo anche quello socialista - hanno sostenuto i referendisti.

Risparmi o smantellamento dello stato sociale?

L'obiettivo di questa revisione dell'AI è di ridurre il numero dei beneficiari di rendite e di mantenere il più a lungo possibile nella vita attiva le persone in precarie condizioni di salute. Per i fautori del referendum la riforma equivale a uno «smantellamento sociale».

Thomas Schnebeli, portavoce della coalizione referendaria nazionale, ha dichiarato alla stampa che occorre impedire l'approvazione del progetto di revisione. La proposta parlamentare è definita «deleteria», poiché mira a risparmiare sulle spalle dei più deboli.

Il referendum permetterà d'integrare l'opinione pubblica nel dibattito sull'assicurazione invalidità. In questo senso – ha detto Schnebeli – la coalizione referendaria si rallegra dell'apertura di uno «spazio politico».

swissinfo e agenzie

In breve

Nel corso della sessione d'ottobre 2006, il parlamento elvetico ha adottato il progetto di revisione – il quinto – dell'assicurazione invalidità.

L'obiettivo è di sgravare i conti dell'AI di 596 milioni di franchi in media annua fino al 2025.

Le modifiche permetteranno di riportare in positivo il bilancio dell'assicurazione a partire dal 2009 e di estinguere il suo debito entro il 2024.

Per raggiungere questo risultato, la revisione interviene su due fronti: da un lato la riduzione del 30% del numero di nuove rendite in rapporto al 2003 grazie ad una definizione più ristretta di invalidità, dall'altro la restrizione di alcune prestazioni.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?