Navigation

Approvato dalla Commissione del nazionale l'acquisto di 186 carri per granatieri

I nuovi blindati CV-9030 sostituiranno carri M-113 e accompagneranno più efficacemente i carri armati Leopard 87 Keystone

Con 18 voti contro 5, la commissione della politica di sicurezza ha approvato martedì il credito di 1,178 miliardi di franchi per il programma d'armamento 2000. La Svizzera non deve attendere ancora per l'acquisto di 186 carri per granatieri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 agosto 2000 - 17:57

La commissione ha d'altro canto respinto, con 18 voti contro 7, la proposta di rinviare il dossier al Consiglio federale, nell'attesa di una più chiara definizione del concetto Esercito XXI. Lo ha reso noto martedì alla stampa il presidente della commissione Boris Banga (PS/SO).

Questa proposta di minoranza socialista sarà comunque sottoposta al plenum in settembre. L'acquisto dei 186 carri è già stato approvato dagli Stati nella sessione estiva.

Oltre alla sinistra, anche vari politici dell'area borghese avevano espresso scetticismo, al momento del dibattito sulla riforma dell'esercito la scorsa primavera, sull'opportunità di questo acquisto.

Allora era sceso in campo anche il consigliere federale Pascal Couchepin, che non era d'accordo con il capo del Dipartimento della difesa Adolf Ogi. Ma le osservazioni di Couchepin sembrano oggi decisamente superate.

La maggioranza della commissione ritiene infatti che il progetto Esercito XXI sia già abbastanza noto, tanto da poter considerare i 186 carri armati svedesi come un elemento centrale del nostro sistema difensivo. Il loro numero sarà sufficiente a costituire una brigata blindata.

L'acquisto - per 990 milioni di franchi - di 186 carri svedesi per granatieri del tipo CV-9030 rappresenta la parte principale del programma d'armamento 2000. Questi mezzi blindati sono chiamati a sostituire i carri M-113, che risalgono al 1963 e non soddisfano più le attuali esigenze.

Più rapidi del M-113, secondo la maggioranza della commissione i nuovi mezzi blindati saranno in grado di accompagnare più efficacemente i carri armati Leopard 87. Inoltre - ha osservato Banga - al momento dell'istruzione le reclute saranno più motivate ad operare con il nuovo mezzo, piuttosto che con un carro che ha 40 anni.

Il programma d'armamento 2000 prevede anche l'acquisto di 120 veicoli d'esplorazione per i comandanti di tiro dell'artiglieria (166 milioni di franchi) e 12 sistemi leggeri di sminamento (22 milioni).

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?