Navigation

Affare Mikhailov: Ginevra ricorrerà al Tribunale federale

Il Cantone di Ginevra proverà a ricorrere contro la sentenza, che lo condanna a versare un risarcimento di 800 000 franchi all'uomo d'affari russo Serghei Mikhailov. Lo ha reso noto il presidente del Consiglio di Stato ginevrino Guy-Olivier Segond.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2000 - 19:36

Secondo il presidente del governo cantonale ginevrino «Le possibilità di successo appaiono scarse». La sola via praticabile è il ricorso di diritto pubblico al Tribunale federale, ha detto Segond alla stampa mercoledì. Questo tipo di ricorso in genere non si applica a uno Stato, qual è il Canton Ginevra.

Lunedì scorso la Corte di giustizia ginevrina aveva condannato il Cantone al risarcimento record - in generale vi è un plafond di 10 000 franchi. Il cittadino russo, accusato di appartenenza ad un'organizzazione criminale, era stato assolto nel dicembre del 1998 dopo aver passato 778 giorni in detenzione preventiva.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?